Postato il by & categoria News.

 

La blefaroplastica è un intervento chirurgico che interessa gli inestetismi dell’area circostante agli occhi che, con il trascorrere del tempo e con alcune patologie, possono creare un disagio fisico e psicologico dell’individuo interessato.

Quando parliamo di blefaroplastica bisogna tenere presente che ne esistono due tipi: blefaroplastica superiore e blefaroplastica inferiore, che differiscono solo per l’area trattata, rispettivamente sulla parte alta o bassa della pelle intorno all’occhio.

 

Ecco tutto quello che c’è da sapere su questo intervento.

 

Perché sottoporsi a un intervento di blefaroplastica?

Questa operazione ha lo scopo principale di ringiovanire il viso, ma anche di risolvere eventuali disagi dovuti a un restringimento del campo visivo a causa delle cosiddette “palpebre cadenti” o eliminare le “borse” sotto gli occhi.

 

La zona delle palpebre e del contorno occhi è sicuramente la più delicata del viso a causa dello spessore della pelle che in questi punti è più sottile.

 

Nonostante questo, essa è comunque costantemente a contatto con gli agenti atmosferici esterni, oltre a essere soggetta agli inestetismi del tempo, a cui si aggiungono le caratteristiche genetiche del soggetto.

 

In generale, comunque, questi vari fattori portano i muscoli di questa parte del viso a cedere a causa dell’accumularsi di liquido e grasso che si spostano verso il basso.

Gli inestetismi più comuni riguardanti le palpebre sono ben noti a tutti/e:

  • occhiaie;
  • occhi gonfi;
  • rughe;
  • borse sotto gli occhi;
  • zampe di gallina;
  • palpebra cadente.

Nonostante i numerosi rimedi home made per contrastare questi inestetismi, l’operazione di blefaroplastica rimane l’unica alternativa per migliorare la situazione in modo permanente e ritrovare un aspetto più giovane.

 

Come si svolge l’intervento di blefaroplastica?

È importante sottolineare che prima di effettuare un intervento di blefaroplastica, è obbligatorio sottoporsi a un’approfondita visita specialistica.

I disturbi e gli inestetismi presenti nella zona del contorno occhi, infatti, possono essere di diverso genere, e non tutti riconducibili a problematiche che coinvolgono le palpebre, come gli occhi piccoli o gli occhi orientali.

 

In altri casi, essi possono presentare un’entità risolvibile con altri processi meno invasivi (ad esempio il trattamento di borse e occhiaie con acido jaluronico).

 

L’intervento di blefaroplastica può essere effettuato sulla palpebra superiore, inferiore o su entrambe.

 

In genere viene praticato in anestesia locale in day-hospital o in anestesia generale con un breve ricovero:

  • blefaroplastica superiore

    Consiste nella rimozione delle zone adipose e dell’eccesso di pelle, attraverso un’incisione nella piega palpebrale superiore. La cicatrice risulterà invisibile e ininfluente sull’aspetto della paziente.

  • Blefaroplastica inferiore

In questo caso avviene un rimodellamento della cute, del muscolo e delle borse di grasso che si trovano sotto l’occhio. L’incisione viene effettuata immediatamente sotto le ciglia e anche in questo caso la cicatrice rimane impercettibile.

Durata e post operatorio della blefaroplastica

L’intervento dura circa 1 o 2 ore in base alla tipologia di palpebra del paziente, ma grazie all’anestesia risulta essere un’operazione non dolorosa.

Il post intervento dura 4-5 giorni, dopodichè verranno rimossi i sottilissimi punti e sostituiti i cerotti.

 

Dopo una settimana o dieci giorni, il paziente potrà tornare a svolgere le sue normali attività.

 

Ricordiamo che è normale avere gli occhi gonfi dopo la blefaroplastica, così come è possibile la comparsa di lividi.

Ma cosa si può fare per attenuarli?

  • Applicare impacchi di ghiaccio intorno alla parte lesa, mai sopra, nelle prime 24 ore e senza nessuna pressione;
  • tenere la testa leggermente alzata per evitare l’accumulo di liquidi e l’aumento della pressione sanguigna nella zona interessata, perciò non sdraiarsi completamente ma riposare eventualmente su una poltrona reclinata, soprattutto nelle 48 ore post-intervento;
  • non grattarsi gli occhi;
  • evitare di indossare lenti a contatto, almeno durante la prima settimana;
  • evitare di bere alcolici;
  • evitare di esporsi al sole nei primi 6-12 mesi, per non iperpigmentare le cicatrici che le renderebbe più visibili. Già dopo un mese dall’intervento è però possibile esporsi al sole con l’uso di lenti protettive o creme a schermo totale (SPF 50+).

I risultati sono apprezzabili in tre settimane, ma dopo sei mesi il traguardo previsto dall’intervento sarà del tutto visibile.

Quanto costa la Blefaroplastica e dove farla a Padova e Venezia

I costi della blefaroplastica, sia inferiore che  superiore, dipendono da diversi fattori, come ad esempio la tecnica scelta.

 

In generale, il range di prezzo complessivo va dai 2500€ ai 5500€.

 

Il Dott. Enrico Volpin è un esperto chirurgo plastico con anni di esperienza nel campo della blefaroplastica, ti invitiamo a contattarci per fissare una consulenza personalizzata o per avere ulteriori informazioni

 

Da oggi puoi tornare a sorridere con gli occhi senza troppi pensieri grazie ai piani di pagamento agevolato con Pagodil!

Chiama il 3421390658 o visita il nostro sito web www.beautystudium.it.

 

Lascia un commento

  • (non sarà pubblicato)